Differenziata a Soverato, ci riuscirà GreenGea? Intanto la Mea perde ricorso al Tar contro il Comune.

0
1618

E’ ufficiale: la ditta Green Gea srl è l’incaricata del Comune di Soverato per rimodulare il contratto con la ditta Mea per la raccolta dei rifiuti solidi urbani ed esprimerà anche il direttore dell’esecuzione del contratto. L’azienda di consulenza ambientale, con sede legale a Messina, ha vinto l’incarico in raggruppamento con l’associazione soveratese Arpa Onlus, che fa capo a Nicola Gioffrè, ingegnere che ha già lavorato in questo ambito per il Comune, ed è attualmente consulente per la rsu e l’avvio della differenziata anche a Satriano. Nella seduta di mercoledì scorso la commissione giudicatrice interna all’ente, presieduta da Michele Menniti, responsabile del settore tecnico, ha assegnato alla ditta messines un punteggio pari a circa 81 punti, contro i 57 assegnati all’impresa cosentina Ricrea. Non è un mistero che con questo incarico l’ente intenda sbrogliare la matassa che rende difficile l’avvio della differenziata porta a porta in città, atteso ormai da anni ma sempre rinviato.

I nuovi “super-consulenti”, che saranno retribuiti con un compenso complessivo di 23 mila euro, dovranno infatti rimodulare il contratto in essere con la ditta Mea di Foggia per trasformare la raccolta differenziata, che per ora da capitolato d’appalto si intenderebbe come “stradale di prossimità”, in raccolta “porta a porta”. Compito non facile viste le incertezze del capitolato, già sottolineate dallo stesso sindaco Ernesto Alecci nonché da un parere stilato all’epoca dall’avvocato Fabrizio Costarella per conto della commissaria Virginia Rizzo. Un nuovo contenzioso, infatti, se non ci si muove con le giuste cautele, potrebbe essere dietro l’angolo, dopo quello già avanzato dalla Mea per il riconoscimento di oneri che il Comune riteneva invece ingiustamente assegnati – nella misura del quintuplo della somma ptrevista – perché erroneamente intesi come annuali anziché come complessivi di tutti i cinque anni di contratto. A quanto risulta, però, proprio ieri il Tar Calabria avrebbe respinto il ricorso presentato dalla ditta contro il Comune, difeso dall’avvocato Giovanni Cilurzo.

“L’importante è cercare la collaborazione di tutti, ente e ditta Mea, e far partire al più presto il porta a porta”, commenta Gioffrè, rinviando ogni dettaglio tecnico alle spiegazioni che arriveranno a giorni dall’amministrazione. E’ intenzione del sindaco Alecci e dell’assessore all’ambiente Rosalia Pezzaniti, infatti, indire una conferenza stampa la prossima settimana (probabilmente il 23 dicembre) per ragguagliare la cittadinanza sulla questione “raccolta differenziata” e dare conto dello slittamento dei tempi rispetto al Natale, data prospettata finora per l’avvio.

Teresa Pittelli

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.