Il soveratese Giuseppe Cilurzo vince la finale del talent Special stage. E vola a Milano

0
1972
Giuseppe Cilurzo dopo la vittoria di ieri sera

OfficineIl soveratese Giuseppe Cilurzo vince la prima edizione dello Special Stage -Officine buone. Si è classificato primo nella graduatoria generale nella finale di ieri sera a Catanzaro, aggiudicandosi di diritto l’accesso alla finale nazionale che si svolgerà a Milano il prossimo 17 gennaio. Un anno pieno di soddisfazioni culminato con l’uscita del suo singolo Tentativi Inutili e ora con quest’affermazione che lo porterà a Milano, dove si confronterà con gli altri vincitori lombardi. A Milano saranno ospiti d’eccezione e giurati esperti (secondo le prime indiscrezioni possibile la presenza di Ornella Vanoni e Caterina Caselli) a valutare il cantante soveratese, che cercherà in tutti i modi di portare in alto la Calabria su un palco prestigioso come La Salumeria della musica di Milano, mitico locale calcato dai primi comici di Zelig in passato come dai grandi del jazz e del pop, da Norah Jones a Pat Metheny, da Joss Stone a Branford Marsalis, da Gianna Nannini a Gino Paoli e Laura Pausini.

Special stageSpecial Stage è la prima rassegna musicale che si svolge negli ospedali d’Italia.  Giovani volontari donano il loro talento cantando e suonando nei reparti di degenza per i pazienti e i loro parenti cercando di portare un po’di allegria e gioia dove purtroppo c’è poco per per cui gioire, come nel reparto di oncoematologia pediatrica del Pugliese-Ciaccio di Catanzaro che ha spesso ospitato i giovani concorrenti. E’ stato proprio il sorriso di quei bambini il premio più grande per i ragazzi, ma ora è giunto il momento di premiare anche il loro talento in una finale regionale che vedrà il vincitore passare alla finale nazionale, insieme al primo nella classifica di questi mesi che ha passato automaticamente il turno. A Milano troveranno un clima che ha poco da invidiare a talent di successo come XFactor e The Voice e ad ascoltarli importanti nomi della musica italiana. Un’avventura iniziata lo scorso aprile, ma che in pochi mesi ha coinvolto nella sola città di Catanzaro sei strutture tra ospedali e case di cura e oltre cinquanta volontari. Nella finale di ieri sera si è deciso anche il secondo classificato: il catanzarese Marco Lanzellotti.

(t.p.)

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.