“In Calabria abbiamo abbandonato la dieta mediterranea e ci stiamo rovinando”. L’allarme degli esperti al convegno sul fitwalking.

0
1629
Enzo Bruno
Enzo Bruno, presidente Provincia Cz

Il gruppo Fitwalking di Soverato festeggia il suo primo anno di cammino come più piace ai fitwalker: “Camminando insieme per il benessere”. E sabato scorso l’asd Calabria Fitwalking ha organizzato un convegno sui benefici della camminata per la salute che si è tenuto all’istituto Malafarina di Soverato. L’incontro ha introdotto tutti i presenti agli effetti benefici sulla salute fisica e mentale di chi pratica questa disciplina. “Allegria, consapevolezza e uno spirito rinato” sono gli obiettivi dell’iniziativa che Donatella Grazioso e Faustro Certomà, istruttori e divulgatori, hanno voluto offrire a sportivi, praticanti o semplici cittadini desiderosi di informarsi. Insieme a una splendida camminata il giorno successivo, anche per festeggiare il primo anno di vita del gruppo fitwalking Soverato, con una giornata di fitness e cammino alla quale hanno partecipato con entusiasmo tanti veterani e neofiti.

giornata fit
Fitwalking Soverato nella passeggiata di domenica (foto Fausto Certomà)

Grande sostenitore dell’evento è stato Enzo Bruno, presidente della provincia di Catanzaro, che ha voluto rimarcare la vicinanza delle istituzioni a iniziative che mettono insieme salute, sport, ambiente e divertimento. “Questa è una disciplina che va fatta conoscere. Contate su di noi per potenziare il fitwalking”, ha sottolineato Bruno invitando i fitwalkers a far uso della bellissima struttura del Parco della Biodiversità di Catanzaro. Primo seguitissimo intervento è stato quello di Agostino Gnasso, professore associato di Medicina Interna dell’Università Magna Graecia e direttore U.O. malattie del metabolismo alla Mater Domini, che ha voluto dare enfasi al tema dell’obesità in regione. “In Calabria la dieta mediterranea non la fa nessuno o non va fatta come deve essere: ci stiamo rovinando”, ha annunciato. “La nostra percentuale di sovrappeso e malattie cardiovascolari è la più elevata d’Italia, e si deve in parte all’aumento della sedentarietà e dell’high-tech nelle nostre vite. “Usiamo bene la tecnologia. Scarichiamo applicazioni contapassi e conta-calorie sul cellulare” è stato il consiglio di Donatela Grazioso, farmacista ospedaliera e moderatrice dell’evento.

Dott.ssa Luciani
Maria Novella Luciani (Min. Salute)

Sabato Sorrentino, specialista in cardiologia e ricercatore dell’Università Magna Graecia, ha precisato che “l’esercizio fisico è la più potente medicina che un medico possa consigliare, perché riduce l’estensione del danno al tessuto miocardico causato dall’infarto e previene l’insorgenza di malattie cardiovascolari”. Sorrentino ha inoltre spiegato la quantità di ore di attività fisica che un individuo dovrebbe fare a seconda delle proprie limitazioni. Antonio Truglia, dirigente medico specialista in Ortopedia e Traumatologia, ha enfatizzato il fatto che “gli sport a basso impatto come la camminata portano solo benefici all’apparato cardiovascolare e contribuiscono alla formazione di tessuto osteogenico”. Mentre Maria Stella Riggio, biologa nutrizionista, ha citato Ippocrate, che più di 2000 anni fa aveva già capito che “se riuscissimo a fornire a ognuno la giusta dose di nutrimento ed esercizio fisico avremmo trovato la strada per la salute”. Riggio ha messo a confronto la “dieta calabrese” e la dieta mediterranea, che tra l’altro dovrebbe essere composta da una sana colazione, con latte o yogurt, frutta fresca, pane o biscotti fatti in casa, caffè o the, e da pranzo e cena in cui non possono mancare abbondanti frutta e verdura. Infine ha richiamato i calabresi per l’elevatissimo consumo di sale che ci posiziona al primo posto della media nazionale.

Giornata fit 2
Fitwalking Soverato nella passeggiata di domenica (foto Fausto Certomà)

Ma di una cosa possiamo andar fieri. “in Calabria state facendo meglio di altre realtà: siete al primo posto nella diffusione del concetto di camminata – ha affermato Maria Novella Luciani, dirigente ministero della salute – che avete diffuso con simpatia ed entusiasmo”. Insieme ai professionisti che sono riusciti a parlare con semplicità, la Calabria Fitwalking sta facendo cultura, e si spera possa vincere la battaglia alla sedentarietà, ma soprattutto a migliorare l’umore, l’autostima e la salute dei tanti che già conoscono questa realtà e dei tanti altri che si vorranno avvicinare. Il presidente Certomà ha da poco fatto decollare un progetto per far camminare bene i ragazzini di 9 anni. “Se gli stili di vita li correggiamo da piccoli è più facile. Investiamo sul nostro fisico – ha esortato Certomà nel suo intervento conclusivo – e diamo l’esempio migliore ai nostri bambini”.

Isabelle Nieto

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.