“Io vittima di aggressione mediatica”. Luigi Aloisio annuncia che il Comune di S. Sostene non sarà sciolto. E convoca una conferenza stampa.

0
2668
Luigi Aloisio e Patrizia Cecaro
Luigi Aloisio e Patrizia Linda Cecaro

Spettabili organi di stampa e televisioni, come ben saprete, con decreto del ministero degli Interni del 23 luglio 2015 ora pubblicato, a seguito della relazione della Commissione d’Accesso e del Prefetto di Catanzaro, è stato dichiarato il non luogo a procedere in ordine all’accertamento dei presupposti di scioglimento per infiltrazioni mafiose del Comune di San Sostene (Cz). Il Comune non va, quindi, sciolto.

Dopo tutto quello che è stato scritto, ipotizzato, gettato in pasto alla gente, io e il sindaco Patrizia Linda Cecaro vi convochiamo in conferenza stampa per dare la giusta evidenza sulla conclusione del controllo ministeriale, che ha sancito che l’amministrazione e tutta la Comunità sansostenese non è collusa con la mafia. La conferenza stampa si terrà venerdì 7 agosto 2015 ore 11, presso la sala consiliare del Municipio del Comune di San Sostene.

Vi aspetto tutti, perché le notizie vanno date sia quando c’è da evidenziare ipotesi, ma soprattutto quando le ipotesi non hanno trovato riscontro. Nell’occasione rilascerò anche io delle precisazioni in considerazione che il mio nome è stato ingiustamente menzionato con un’aggressione mediatica indescrivibile.
Avv. Luigi Aloisio

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.