Mgff, Matt Dillon ringrazia i “catanzarini” ed Eman infiamma l’arena.

0
1170
mgff matt dillon

“Io voglio ringraziare Catanzaro, che è un posto così speciale, e tutti i catanzarini, oh dispiace, catanzaresi. Prima andavo sempre al nord quando venivo in Italia, ma ora che ho scoperto il sud d’ora in poi voglio sempre e solo venire al sud. E’ la prima volta per me in Calabria e mi sento già casa, grazie alla fantastica ospitalità e anche perché sono cresciuto a New York in un quartiere di calabresi, quindi ce l’ho nel cuore. La reputazione di questo festival aveva preceduto il mio arrivo qui, sono sempre stato amante del grande maestro Ettore Scola, questo può essere un piccolo festival ma preferisco i piccoli festival con questo entusiasmo e con un grande cuore”.

Queste le parole di ringraziamento di Matt Dillon prima di ricevere per mano del sindaco Sergio Abramo e del “grande”, come lo ha definito Matt, orafo Michele Affidato, la Colonna d’Oro alla carriera 2016, in quella che è stata un’altra straordinaria giornata per la città .

modine-albero
Matthew Modine

Nel pomeriggio Dillon aveva tenuto una grande master class nella sala congressi dell’Hotel perla del porto rispondendo alla fine alle domande degli addetti stampa intervenuti, anche ad una nostra. La master class era stata preceduta da un’interessante conferenza stampa con gli attori Marco D’amore, Matilde Gioli e Giorgio Colangeli che hanno presentato l’ultimo film in concorso “Un posto sicuro”, un film che ha cercato di portare a conoscenza tutto il nostro paese della drammatica situazione che ha colpito la città di Casale Monferrato a causa dei danni provocati dalla lavorazione dell’amianto nell’insediamento produttivo Eternit, danni che non si sono limitati ad interessare i lavoratori, ma anche l’ambiente e i suoi abitanti. Non è stato facile perché ci sono state molte difficoltà a distribuirlo, ad esempio in Calabria non è stato proiettato in nessuna sala.

Spazio quindi ad Andrea Bosca che in serata ha poi ricevuto la Colonna d’oro per la fiction. A catalizzare l’attenzione dei cittadini del quartiere Lido ancora una volta lui, non ci sono parole per definirlo, Matthew Modine è voluto andare personalmente al vivaio ad acquistare due alberi da donare alla città per come è stato ospitato, ha utilizzato una sega per tagliare due palme che ormai erano morte, ha fatto personalmente la buca per piantare quelle nuove. Il sindaco ha annunciato che questa sera gli saranno consegnate le chiavi della città.

eman
Eman

La serata è iniziata con la Colonna d’oro per il giornalismo ad Alfonso Samengo, capo redattore Rai regionale Calabria che ha sottolineato di vedere, grazie a questo evento, un grande fermento in città. Prima della proiezione del film l’arena, che ha registrato il record di presenze (piene anche le aree per i posti in piedi), ha vissuto un momento straordinario quando ha fatto ingresso il giovane cantautore catanzarese Eman. I giovanissimi lo hanno osannato come una grande star, ma anche i meno giovani hanno partecipato entusiasti.

Alla nostra domanda, nell’intervista che ci ha rilasciato, sul segreto che ha nel riuscire a far piacere la sua musica a tutti ci ha risposto: “Il mio segreto è non avere un segreto, è mostrarsi per quello che si è”. Emanuele, suo vero nome, prima di esibirsi ha voluto ringraziare il patron Gianvito Casadonte: “Io e te abbiamo una storia comune, abbiamo creduto in cose in cui è difficile credere e abbiamo creduto in questo posto. Sono orgoglioso di essere qui”.

Saverio Fontana

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.