Da Palanca ad Eman, le stelle che hanno inaugurato il Torneo delle regioni a Catanzaro

0
1069
Torneo

Il torneo delle regioni 2016 a Catanzaro e provincia.

E’ iniziato con una cerimonia di apertura spettacolare nel Parco della biodiversità di Catanzaro il Torneo delle regioni 2016, la più importante manifestazione calcistica italiana dedicata al calcio giovanile dilettantistico, che mancava dalla Calabria da 25 anni. La Lnd ha premiato la qualità del lavoro svolto in questi anni dal Comitato regionale Calabria della FIGC che, dal canto suo, ha risposto con un’organizzazione imponente. Grazie alla sinergia di tutte le istituzioni locali, Regione Calabria, Provincia di Catanzaro, comuni di Catanzaro, Lamezia Terme, Soverato, Roccella Jonica, Chiaravalle, Guardavalle, Badolato, Sellia, Isola Capo Rizzuto e Pianopoli con il Presidente del Comitato regionale Calabria Saverio Mirarchi, le rappresentative delle categorie giovanissimi, allievi, juniores e femminile di tutte le regioni saranno ospitate nella nostra provincia, oltre 2000 persone tra atleti e dirigenti.

Si affronteranno in 130 incontri da disputare su 14 campi. Le quattro finali si svolgeranno tutte sul campo del Centro Federale di Catanzaro, la piccola Coverciano, ormai un punto di eccellenza nazionale. Alla presenza del Presidente della LND Cosentino, del Presidente del Comitato regionale Calabria Mirarchi, del Presidente della Provincia di Catanzaro Bruno, del Sindaco della città di Catanzaro Abramo e numerose altre autorità, la cerimonia è iniziata con la sfilata festosa di tutti gli atleti divisi per regione, che ha fatto il giro di tutto il parco per entrare infine nell’anfiteatro. Il colpo d’occhio dell’anfiteatro gremito da tutti quei giovani era mozzafiato. E’ stata quindi accesa la fiaccola all’ingresso del parco e una serie di tedofori l’ha portata fin sotto il palco dell’anfiteatro. All’arrivo della fiaccola tutti gli atleti, le autorità e il pubblico che gremiva il prato antistante hanno cantato l’inno nazionale creando un’atmosfera di grande emozione. Dopo un intermezzo musicale del gruppo di musica popolare Astiokena sono iniziati gli interventi delle autorità.

«Essere riuscito a portare questo prestigioso evento in Calabria è una cosa che mi emoziona ma sicuramente mi riempie di orgoglio. Mi auguro che nel corso di questa settimana riusciremo, ma senz’altro sarà così, a dare ai nostri amici e ai nostri atleti tutto quello che la nostra terra è capace di dare, accoglienza, mare, monti, turismo e belle spiagge. Desidero ringraziare la regione Calabria, la Provincia di Catanzaro e tutti i sindaci dei comuni che hanno collaborato, tutte le strutture alberghiere, le nostre associazioni, l’Aia e l’Associazione allenatori. L’augurio è di riuscire ad affiancare all’evento agonistico quello sociale e quello turistico. Benvenuti in Calabria e buon divertimento», queste le parole di benvenuto del presidente Mirarchi.

«Per noi è una giornata storica, dopo 25 anni riuscire a portare a Catanzaro il Torneo delle regioni, è un motivo di grande orgoglio. Ringrazio il presidente Cosentino ed il presidente Mirarchi per questa importante manifestazione. Grazie per aver riempito questa giornata con la vostra grande gioia, ragazzi vi dimostreremo quanto la nostra terra sia ospitale», questa è stata la promessa del sindaco di Catanzaro Sergio Abramo. Mentre Enzo Bruno, presidente della Provincia, ha rimarcato la simbolicità della bella location per dimostrare che la Calabria è ospitalità, cultura, turismo e sport».

«Siamo riusciti a realizzare questo evento grazie all’organizzazione del Comitato regionale calabrese e alla volontà di tutti i presidenti regionali che sono voluti venire in Calabria. Ringrazio tutti coloro che si sono dati da fare per l’organizzazione, le forze dell’ordine per quello che faranno in questi giorni e per quello che fanno per tutte le manifestazioni sportive. Porto i saluti del Presidente della FIGC Tavecchio che oggi non è potuto essere qui per gli impegni della Champions League, ma probabilmente ci sarà per le finali. Per la Calabria il 2016 è un buon momento, oltre alla mia carica, abbiamo Infantino Presidente della FIFA ed il Crotone in serie A», con queste parole il presidente Lnd Cosentino ha espresso la sua soddisfazione. “Investire sui giovani: sono il nostro futuro. Lo sport insegna loro a rispettare le regole sportive insegnando anche a rispettare tutte le altre. Devo dare atto del senso di responsabilità della tifoseria del Catanzaro che ha consentito quest’anno di disputare tutte le gare di campionato senza incidenti. Grazie al maggior dialogo siamo riusciti, non solo nel campionato di calcio ma in tutti gli avvenimenti sportivi, a chiudere senza un minimo incidente», queste le parole del Questore di Catanzaro Giuseppe Racca.

Dopo un videomessaggio dell’atleta calabrese Giusy Versace è stato il turno di Franco Neri, il comico, come al solito, ha messo in evidenza le diversità di comportamento tra la gente del nord e quella calabrese, ma ha soprattutto detto : «Finalmente qui ho incontrato il mio mito Massimo Palanca e gli ho potuto fare la domanda che avrei voluto fargli da tanti anni: ma quando segnavi direttamente da calcio d’angolo il pallone era telecomandato?». Ed è proprio Palanca, grande ex calciatore del Catanzaro, oggi allenatore dei giovanissimi delle Marche a salire sul palco dopo di lui: «Quando vengo a Catanzaro è sempre un ritorno a casa. Qui ho passato i migliori anni della mia vita, mio figlio è nato qua, i miei migliori amici sono qua. Agli atleti dico divertitevi, entrate in campo con il sorriso». La cerimonia si è conclusa con il miniconcerto di Eman, il cantante catanzarese che ha dichiarato: « Ho sognato questo futuro ma non pensavo potesse davvero avvenire, questa è la prova che il lavoro paga. Sono contento che anche i grandi apprezzano la mia musica, credo che accada perché i messaggi autentici non hanno tempo».

Saverio Fontana

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.