Soverato, nuovo atto di intimidazione a Grenci. Solidarietà dell’amministrazione.

0
2298

Nuovo atto di intimidazione a Pino Grenci, responsabile attività produttive del Comune di Soverato. “A nome mio e dell’Amministrazione tutta desidero esprimere piena solidarietà al responsabile del settore delle attività produttive Giuseppe Grenci e alla sua famiglia, per la vile intimidazione subita nei giorni scorsi. Pur non essendo note le cause resta il gesto, un atto criminale di una gravità assoluta, figlio di un’arretratezza culturale evidente e imbarazzante che, ne sono certo, la Città intera saprà rispedire al mittente. Evidenziando la correttezza, l’abnegazione e la professionalità dell’uomo e del dirigente Giuseppe Grenci, sono certo che non si lascerà turbare dai fatti ma continuerà il suo operato senza alcun timore. Convinto che le forze dell’ordine sapranno come al solito svolgere un eccellente lavoro, auspico infine una rapida individuazione degli esecutori di questa codarda azione”. Queste le parole del presidente del consiglio comunale di Soverato, Francesco Matozzo, nel condannare l’intimidazione al funzionario comunale, responsabile del settore attività produttive guidato da Pietro Matacera, che nella notte di martedì scorso ha subito un danneggiamento alla sua autovettura, con il taglio di tutte e quattro le gomme delle ruote del veicolo.

Grenci non è nuovo, purtroppo, a intimidazioni di questo tipo. Come si ricorderà nell’ottobre 2012, infatti, rincasando nella sua abitazione a Soverato trovò davanti al portone due corone di fiori accompagnate da un biglietto inquietante che faceva riferimento a un suo prossimo “funerale”. Anche se gli inquirenti non escludono alcuna pista, la sua posizione di responsabile di un’area molto delicata, quella del commercio sia stabile che ambulante, interessata oggi come allora da riforme che tentano di governare situazioni poco regolamentate, tra occupazione di suolo pubblico e riordino del settore, potrebbe essere la chiave per comprendere i motivi di un gesto inqualificabile, per il quale va a Pino Grenci la piena solidarietà di tutti noi. Vicinanza a Grenci, infine, anche da parte di Salvatore Riccio, ex assessore alle attività produttive, che sottolinea l’importanza di non lasciare solo il settore e il suo dirigente.

(t.p.)

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.