Banco alimentare: realtà sempre più importante per famiglie in difficoltà. Anche a Stalettì (Cz).

0
1656

*Oggi in Italia circa 4 milioni di individui fanno fatica a procurarsi un pasto regolare e il Banco Alimentare, nato  nel 1989 con  la  finalità  di destinare  ai più  poveri le eccedenze alimentari, salvandole  dallo spreco, ha  scritto negli  anni una storia di carità sempre più coinvolgente. Attualmente opera in Italia attraverso una rete di 21 organizzazioni che distribuiscono  gratuitamente cibo non utilizzato che finirebbe altrimenti nei rifiuti, alle famiglie  povere, agli enti caritatevoli,  alle comunità di accoglienza e recupero, alle associazioni che si occupano degli “ultimi”, degli indigenti, questi in numero sensibilmente crescente per effetto della crisi economica grave e complicata che stiamo vivendo, sebbene i politici di mestiere si affannino a dirci che c’è una luce in fondo  al tunnel.

Tuttavia sempre più gente in difficoltà  apre cassonetti di rifiuti alla ricerca di cibo più o meno integro  e commestibile.  E a questa gente che il Banco Alimentare si rivolge e porge una mano generosa: una solidarietà normale, in cui l’altro è  vissuto come un  fratello, alle cui urgenze dare risposta concreta per restituirgli la dignità di persona. E grazie alla collaborazione tra l’amministrazione comunale e il Responsabile locale del Banco, anche a Stalettì (Cz) si stanno compiendo passi reali nel problema, che purtroppo esiste anche qui. Ogni mese distribuiamo con discrezione i pacchi alle  famiglie meno abbienti, regalando un po’ di ossigeno per  garantire loro la sopravvivenza quotidiana, in una società che diventa ogni giorno più ostile e incurante. Mi ha aiutato in tal senso la conoscenza effettiva e affettiva  della realtà che vivo, anche se fa male ogni mese chiedere qualche pacco in più perché intanto si è allungata la  lista di chi ha bisogno.

Donare un pacco alimentare a una  famiglia bisognosa è una cosa appagante ma normale, anche se le situazioni da affrontare sono drammaticamente  serie e preoccupanti quando incontro la povertà e il disagio. Le difficoltà  e gli inciampi ritornano  ogni mattina, ma operare per il bene comune, fare qualcosa di utile per qualcunoa volte vale solo ascoltare, cambia totalmente  la prospettiva. Ho letto da qualche parte che stare dentro una storia, cambia la tua storia, orienta il tuo  cammino in modo fondativo e dà l’energia per affrontare ogni fatica. E’ per me una certezza che “chi è rimasto al bordo della strada”, merita più attenzione e aiuto e che è giusto e sacrosanto consentire alle famiglie bisognose di recuperare un po’ di normalità  in una condizione marchiata da precarietà e disagio di qualsivoglia tipo. Che è poi il motivo ispiratore del Banco il cui senso è nelle parole don Luigi Giussani, che mi trovano  pienamente  d’accordo: “In un tempo che ha smarrito  il valore  infinito della  persona, perché  ha  dimenticato  la tradizione cristiana. siete chiamati  a rinnovare   lo  spettacolo  della  condivisione  gratuita  del  destino  dei fratelli….“.

* Concetta Stanizzi, sindaco di Stalettì (Cz)

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.