Francesco Sinopoli nuovo segretario generale della Flc CGIL

0
1933
sinopoli
Francesco Sinopoli

Il soveratese Francesco Sinopoli nuovo segretario nazionale della Flc Cgil, la categoria che si occupa dei lavoratori della conoscenza e quindi di settori di importanza cruciale come l’istruzione e la ricerca. “Nella relazione programmatica, il neoeletto segretario generale della FLC ha proposto un’analisi serrata della situazione in cui versa il sistema dell’istruzione pubblica nel nostro Paese”, spiega il comunicato che annuncia l’elezione pubblicato sul sito della Flc Cgil. “Noi vogliamo un modello di istruzione che considera la formazione un diritto delle persone e un investimento fondamentale come motore di sviluppo per il paese. Tutto ciò – ha proseguito – va ribadito con forti iniziative sindacali, perché mentre iniziava la più grande crisi economica della storia recente il nostro paese si attrezzava per devitalizzare i settori pubblici, colpendo in particolare i luoghi più utili Scuola, Università, Ricerca e Afam per affrontare la fase drammatica che si apriva”.

“Il gruppo dirigente della Flc a tutti i livelli è stato in prima linea come lo sono state le nostre Rsu e i nostri militanti nel difendere i posti di lavoro, le nostre istituzioni e costruendo giorno per giorno una contronarrazione rispetto a ciò che veniva raccontato dalla propaganda spesso ben sostenuta da media importanti per giustificare un attacco dalla portata epocale”. Sul piano delle risorse pubbliche per il sistema dell’istruzione, infatti, ha aggiunto Sinopoli, “dal 2008 sono stati tagliati 10 miliardi di euro alle scuole, alle università e agli enti di ricerca”, sono state “avviate autentiche controriforme come la legge Gelmini sulla scuola, la legge 240 sull’università (ancora dalla ministra Gelmini), la legge 150 (la cosiddetta Brunetta) e la legge 107 sulla scuola”. In particolare, ha sottolineato il neo segretario della FLC, si tratta di “interventi autoritari e invasisi rispetto alle prerogative contrattuali”.

Per queste ragioni “deve continuare un’azione sindacale di contrasto a queste leggi per costruire insieme un progetto nuovo, su cui aprire una grande dibattito pubblico per inserirlo come priorità per il Paese nell’agenda della politica. Grande attenzione va data in particolare alle istituzioni della conoscenza soprattutto al Sud. Se, infatti, è il contesto sociale a pesare nella distribuzione delle risorse perché tasse più alte favoriscono bilanci più solidi e quindi maggiori probabilità di beneficiare del turn over, è chiaro quali territori verranno penalizzati: quelli dove le tasse non possono crescere più di tanto in ragione della condizione economica delle famiglie”.

Nei settori della conoscenza, ha proseguito Sinopoli, “c’è il grande tema del riconoscimento della funzione sociale svolta da milioni di docenti, ricercatori, dirigenti, tecnici, amministrativi e collaboratori. Da troppo tempo questo personale è lasciato in uno stato di abbandono anche a causa del blocco dei contratti. La recente Intesa sottoscritta tra governo e sindacati per il rinnovo dei contratti nei settori pubblici segna una svolta che ci consente una ripartenza in grado di rimettere al centro il tema del lavoro e dell’innalzamento della qualità dell’offerta formativa e della ricerca”.

Francesco Sinopoli ha 41 anni. Dopo la maturità classica all’istituto salesiano S. Antonio da Padova di Soverato (Cz), si è laureato in giurisprudenza all’università di Bologna ed è dottore di ricerca in diritto del lavoro e delle relazioni industriali. A seguito di un intenso impegno nell’associazionismo studentesco all’università di Bologna, nel 1998 diventa coordinatore nazionale dell’Unione degli universitari (Udu). Nel 2001 inizia la sua attività sindacale per la Cgil alla Camera del lavoro di Bologna. Dal 2003 al 2005 è in Nidil Cgil nazionale, la struttura che si occupa di lavoro atipico e dal 2006 lavora per la Flc, fino a ricoprire, dal 2010 a oggi, l’incarico di segretario nazionale.

Insieme ad Augusto Palombini e Claudio Franchi è autore, con lo pseudonimo di Tom Joad, del romanzo Rosso Quadrato, Editori Riuniti 2014, in cui, con il pretesto del noir, si racconta un altro e diverso sindacato. Ha scritto inoltre articoli e saggi sui temi del lavoro, delle relazioni industriali, delle politiche dell’istruzione e della ricerca.

(Per testo e foto fonte: m.flcigl.it)

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.