Intimidazione Roccisano, Robbe (Legacoop): “Imboccata la via per cambiare questa regione”

0
1367
angela robbe

È stata bruciata un’altra auto stanotte in Calabria, è l’auto di Federica Roccisano. Non è la prima volta che accade, di auto e mezzi dati alle fiamme ormai questa regione è piena, sappiamo non sarà l’ultima volta che accade. Il messaggio che forse si dovrebbe cogliere tra le fiamme di auto che bruciano è che il destinatario di tanta attenzione forse si sta avvicinando a questioni “scottanti”, e scusateci l’utilizzo dei termini che non vogliono giocare sui fatti ma tradurre i simboli rozzi.

Naturalmente stiamo dando spazio alla libera interpretazione, saranno le forze dell’ordine, a cui va il nostro apprezzamento per il lavoro che svolgono, a dirci chi si è reso protagonista di tale atto vigliacco quanto inutile.

Il messaggio intimidatorio tuttavia lascia intendere a chi subisce che è pregato di rivedere le sue azioni. Il messaggio che noi cogliamo è che forse in tanti non sono più disponibili a chiudere gli occhi, a tenersi distanti e distratti da questioni di cui prima o poi qualcuno si dovrà occupare in questa nostra regione, se davvero vorremo vederla cambiare; ancora il messaggio è che forse, e diciamo forse, abbiamo imboccato la via per cambiare questa regione. Ci viene da pensare, considerati gli ultimi eventi, che non solo abbiamo imboccato il giusto cammino ma siamo tanti: i numeri cominciano a pesare dalla parte giusta della bilancia ed è sempre più complicato tenere a bada tanta gente che in diverse sedi e per diverse vie si muove in sintonia. Oggi in Calabria non se ne può più del malaffare, occorre tracciare una linea netta di confine tra criminalità e gente per bene, questa linea consente di dare contorni netti ai fenomeni e vincere la battaglia contro la criminalità ed il malaffare.

Sono sempre più numerosi quanti, dalle proprie postazioni e per il ruolo che occupano, rifiutano atteggiamenti compiacenti e modi di fare distratti. Accade in politica, accade tra gli imprenditori, accade tra le associazioni ed i sindacati e questo ci da speranza che finalmente si possa uscire dalla cappa nella quale siamo avvolti, che ci impedisce di uscire dal sottosviluppo economico e sociale, perché non c’è modello di sviluppo che si possa realizzare quando ci sono fattori distorsivi che non possono essere calcolati e conosciuti.

Naturalmente quanto detto fin qui riguarda ciò che avviene nel complesso, tira un bilancio positivo di quanti non hanno accettato l’invito a chiudere gli occhi.

Dietro  il bilancio socialmente positivo dei no, che evidentemente sono stati pronunciati, ci sono le persone: c’è Federica Roccisano, c’è Arturo Bova, c’è Santo Custureri, c’è Andrea Cuzzocrea, c’è Michela Avenoso e tanti, tanti altri, ci sono le loro famiglie, il timore di aver perduto la normalità, di convivere con un nemico che non ha volto. A loro va il nostro pensiero più caro, a loro il nostro appoggio ed affetto che possiamo dimostrare mantenendo comportamenti netti di rifiuto per ciò che non è assolutamente trasparente e coerente con la scelta di parte che abbiamo sposato, perché ogni volta che abbiamo un tentennamento, ogni volta che abbiamo atteggiamenti anche solo accondiscendenti verso comportamenti non coerenti con il bene comune, ogni volta che si arretra, si espongono un po’ di più i compagni di viaggio.

A quanti hanno subito atti intimidatori ed ai nostri figli dovremo dedicare i gesti che ci rendono cittadinanza solidale: rifiutare compromessi inutili, agire nelle regole e nella trasparenza, smettere di pensare che accettare di chiudere gli occhi sia meno colpevole che mettere in pratica comportamenti prevaricatori e scorretti.

A Federica in questo momento va il nostro affetto e la nostra vicinanza con la certezza che le forze dell’ordine sapranno agire per fare chiarezza, con la certezza che lo Stato saprà comprendere che in Calabria c’è il giusto clima per produrre un cambiamento che va aiutato e sostenuto con interventi di sostegno e presenza forte e qualificata sul territorio.

Angela Robbe. Presidente Legacoop Calabria

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.