Lunga vita alle suore Fma Soverato! La città in festa per il 75° anniversario dell’istituto.

0
601

Una ricorrenza celebrata dall’intera comunità con commozione e gratitudine per i settantacinque anni di presenza salesiana a Soverato delle suore Figlie di Maria Ausiliatrice. Da quel 26 ottobre 1944 in cui sbarcarono nella cittadina con pochi bagagli e tanti progetti, l’istituto da scuola materna e laboratorio di sartoria è cresciuto diventando oratorio, scuola, istituto magistrale che – come ha ricordato il professore Ulderico Nisticò nel suo resoconto – ha dato la possibilità a intere generazioni di ragazze del territorio (molte delle quali fino ad allora sarebbero state difficilmente destinate agli studi) di diventare valenti insegnanti, spesso arrivando anche alla laurea.

“Il logo della festa è un 75 legato inscindibilmente alla città, accanto al nostro motto Il carisma si fa storia”, ha detto una commossa suor Ausilia De Siena, direttrice dell’istituto, nel corso della solenne celebrazione in piazza davanti al Municipio, affiancata dal sindaco, Ernesto Alecci, e da don Mimmo Madonna, direttore dei salesiani. Ad affollare la piazza c’erano tutti gli alunni dell’istituto comprensivo Maria Ausiliatrice, dai piccolini del nido e della materna fino ai liceali, le mitiche ex-allieve rappresentate dalla presidente Ermelinda Lifrieri, il corpo docente, i ragazzi del servizio civile, le cooperatrici salesiane e tantissima cittadinanza. Anche chi non è ex-allievo o figlio di ex-allievi, infatti, ha sempre qualche aneddoto o qualche dolce ricordo legato all’istituto Maria Ausiliatrice.

Anche il sindaco, Ernesto Alecci, ne ha riconosciuto il valore, nell’ottica della prosperità e centralità culturale di Soverato nel comprensorio e in Calabria. Oltre che per l’immenso patrimonio di valori salesiani e cristiani trasmesso di generazione in generazione. “Le suore e la salesianità rappresentano per Soverato guide spirituali oltre che educative, in un clima sano e familiare che spinge giustamente le famiglie a iscrivere in massa i loro figli”, ha osservato Alecci. Al termine della cerimonia, un festoso corteo ha marciato fino all’istituto, dove è stata scoperta la nuova targa di ingresso ed è stata celebrata la Messa da don Gregorio Montillo, vicario generale della diocesi di Catanzaro-Squillace. Anche la celebrazione è stato momento di grande commozione e solennità, con alcune ex allieve a testimoniare la gioia di aver frequentanto una scuola speciale, una scuola di vita (Jessica Sovereto), la coordinatrice delle cooperatrici salesiane a ricordare il percorso del gruppo laico fondato direttamente da Don Bosco (Mariangela Circosta) e infine Mons. Montillo ad augurare “al carisma che ha fatto storia di splendere guardando al futuro”.

Teresa Pittelli

(si ringraziano Annamaria Lentini e Patrizia Sinopoli per i contributi fotografici)

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.