Soverato, attesa per l’ouverture al Teatro del Grillo. Si parte con Baricco domenica 20

0
2253
tuttoperbene

novecento

Sarà Novecento di Alessandro Baricco, per la regia di Gabriele Vacis, lo spettacolo che aprirà domenica 20 dicembre la stagione del Tetro del Grillo di Soverato, con due turni alle 17 e alle 20.45. Una perla teatrale che dopo 500 repliche e 200 mila spettatori arriva al Grillo nella sua versione originale, con un’attesa prova d’attore del grande Eugenio Allegri. Baricco scrisse Novecento nel 1994 proprio per Allegri e solo alcuni mesi dopo la prima fortunata tournée decise di farne un romanzo. Poi venne il film, La leggenda del pianista sull’oceano, diretto da Giuseppe Tornatore e interpretato da Tim Roth nel 1998. Un testo tradotto e rappresentato in tutto il mondo.

E la nuova stagione offerta dallo storico teatro cittadino diretto da Claudio Rombolà si presenta ricca di emozioni e grandi interpreti, testi nuovi e acclamati dalla critica come quelli di La Ruina accanto a piccoli grandi cult recitati da celebri interpreti, fino all’exploit finale della Compagnia del Grillo che incontra Pirandello per deliziarci e farci riflettere ancora una volta sui sentimenti umani con sorprendente attualità. La riapertura dopo le feste natalizie sarà affidata, domenica 10 gennaio 2016, a Flebowsky con il celebre attore Nicola Pistoia, Ketti Rosselli e Armando Puccio per la regia di Gigi Piola. flebowsky“Il Grande Flebowsky” è un manuale di degenza ospedaliera tratto da un libro scritto da un vero paziente che ha deciso di ridere delle proprie malattie con l’obiettivo di ristabilire un sano rapporto tra malati, medici, ospedali, con la certezza che la prima medicina necessaria in un ospedale sia la buona volontà delle persone. Una terapia del sorriso perché, non è vero che una risata ci seppellirà! Una risata ci dimetterà!

Il 31 gennaio sarà la volta de L’invenzione senza futuro, viaggio nei cinema in 60 minuti, con Federico Giani, Celeste Gugliandolo e Mauro Parrinello. “Un’invenzione senza futuro”. Così il padre di Auguste e Louis Lumière definisce il cinema, un progetto a cui i suoi figli stanno lavorando. Ma i giovani sono caparbi, determinati ad arrivare fino in fondo ai propri sogni: forse uno dei due lo è di più, mentre l’altro è condizionato dalle parole del padre; forse la necessità di scoprire se il progetto funziona cela in realtà per uno dei due il desiderio di conquistare la donna amata. Domenica 7 febbraio, invece, Saverio la polvereRuina e Cecilia Foti saranno i protagonisti di Polvere, dialogo tra uomo e donna, il nuovo spettacolo di La Ruina che approda al Grillo per rendere omaggio a un calabrese pluripremiato con quattro premi Ubu come attore e drammaturgo. Il nuovo lavoro è stato acclamato dalla critica per la carica sconvolgente e drammatica, definendolo “un testo di stupefacente violenza che viaggia su un tappeto di falsa pacatezza, falsa comprensione, falso amore”, come ha fatto Magda Poli sul Corriere della Sera, ma anche “un percorso ineccepibilmente convincente” come ha scritto Masolino D’Amico su La Stampa, e “un piccolo gioiello” di “drammaturgia intensa, dialoghi spietati e reali, parole che feriscono apposta per aiutarci a comprendere (Fulvio Fulvi su L’Avvenire).

 

polvereIl 6 marzo è la volta dei veterani del teatro, del cinema e della tv Anna Galiena ed Enzo de Caro con Diamoci del tu di Norm Foster per la regia di Emanuela Giordano. La storia di uno scrittore di successo, David, che improvvisamente scopre di non conoscere nulla della sua governante Lucy, che gli è accanto da ben 28 anni. Lei invece sa tutto di lui, e in una fredda sera di novembre i due si confrontano per la prima volta, parlandosi senza la formalità dei ruoli in cui si erano costretti. Assistiamo così a rivelazioni sorprendenti, divertenti ma anche commoventi. Si parla di letteratura, retaggi familiari e solitudine attraverso un linguaggio mai scontato, colto e ricco di un vivace umorismo. Due straordinari interpreti accompagnati dalla sensibilità di Emanuela Giordano. Dal 16 marzo va in scena la Compagnia del Grillotuttoperbene con Tutto per Bene di Luigi Pirandello, con la regia di Claudio Rombolà, direttore dello storico teatro del Grillo. Dopo il successo di Cosi è (se vi pare), la Compagnia incontra ancora Pirandello con un testo di sorprendente attualità, a conferma dell’immutabilità dei sentimenti umani che il grande drammaturgo siciliano ha saputo indagare come pochi.

(Abbonamento a sei spettacoli € 98,00 Turno A: pomeridiana ore 17.00 o primo giorno di rappresentazione Turno B: serale ore 20.45 o secondo giorno di rappresentazione Botteghino Teatro 0967.23156 – AAADVICE 0967.23818 – C.so Umberto I, 100 www.teatrodelgrillo.it – info@teatrodelgrillo.it – teatrodelgrillo@libero.it)

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.