Soverato, il video della lite tra sindaco Alecci e consigliere Riccio. “C’eravamo tanto amati…”

0
2742

riccioC’eravamo tanto amati…Il titolo del celebre film di Ettore Scola viene in mente guardando questo video nel quale dopo le sfuriate di Ernesto Alecci, sindaco di Soverato che in consiglio comunale si è scagliato senza mezzi termini contro quello che era il suo ex vicesindaco nella scorsa consiliatura, quest’ultimo a sua volta replica a muso duro e lascia l’aula consiliare. “Ernesto non ti permetto di offendermi in consiglio comunale, non hai rispetto del ruolo del consigliere comunale e nemmeno della persona”, ha detto Riccio prima di abbandonare il consiglio, seguito da Francesco Severino (Pd Oltre).

Consiglio comunale amaro per Riccio, dunque, che pure sarebbe l’uomo della minoranza in teoria più vicino a Ernesto Alecci, con il quale ha governato a stretto contatto dopo aver vinto le elezioni con Verso il futuro nel 2014, per una consiliatura breve ma che aveva rodato un rapporto di collaborazione e di dialogo tra i due. Nel 2015 nuovo giro elettorale e nuove formazioni, con Alecci che dei vecchi compagni Riccio&co non ne ha voluto sapere più nulla, aprendosi ai giovani di Cambiamenti, e i primi finiti invece tra le braccia della larga intesa Pd-Oltre. Nonostante la nuova veste di avversari, però, non sono mai state insolite, nei corridoi del Comune, le battutine all’indirizzo di Riccio sul suo rapporto con Alecci mai venuto meno, sul suo aver marcato le distanze da Pd Oltre creando un gruppo autonomo e sulla sua presunta vicinanza alla maggioranza con eventuale rischio addirittura di un futuro “salto della quaglia” (rischio sempre smentito dall’interessato). Sicuramente inaspettata, agli occhi degli spettatori, è stata dunque una lite così furiosa e plateale tra i due, che lascia gli osservatori in attesa di sapere come finirà e se – come nei film (o nelle soap!) – i protagonisti torneranno ad amarsi.

Teresa Pittelli

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.