“Saranno famosi” a Hollywood? Grandi art director crescono all’Aba di Catanzaro (video)

0
1295

Intervista esclusiva a Marco Trentini, art director di Ridley Scott, e Claudio Cosentino, nomination per l’Adg-Art director Guild Award e docente di Scenografia all’Accademia di Belle Arti di Catanzaro, insieme ad alcuni studenti che spiegano le nuove opportunità, anche e soprattutto in campo multimediale, per chi sceglie questo percorso. Amici e colleghi, Trentini e Cosentino formano un sodalizio che ha portato alcuni dei ragazzi dell’Aba di Catanzaro a lavorare a Roma con il grande scenografo celebre per aver girato numerosi kolossal di successo internazionale, tra i quali Ben Hur (2009); Kingdom of Heaven (2003-04); The life aquatic with Steve Zissou (2003, per il quale ha ricevuto il riconoscimento internazionale Excellent in production design award); Exorcist – The biginning (2002-03); Black Hawk Dawn (2001-02, premio Excellent in production design award); U-571 (1998-99).

Un percorso professionale stellare che si è consolidato nel tempo collaborando con illustri registi, da Ridley Scott a Jonathan Mostow, e alcune delle maggiori case di produzione del mondo (20TH Century Fox; Universal Pictures, Paramount Pictures; Warner Bros, Filmauro). Lunghissimo anche l’elenco delle serie tv e pubblicità televisive nel ruolo di Supervising art director e Set designer (“Sex and the city 2”, “Coca-cola”, “Enron”, “Ferrarelle”, “Tim”).  Trentini era già stato all’Aba lo scorso dicembre per una due giorni di lezioni e laboratori, fortemente voluto da Cosentino. Ed è tornato in Calabria nei giorni scorsi, da grande fan delle coste calabre e soprattutto di Soverato, che apprezza sia per il mare che per la gastronomia oltre che per l’accoglienza e il calore della gente, come spiega nel video girato per l’esuberante.it. “Claudio è ormai un superesperto riconosciuto a livello nazionale e internazionale dei programmi per il design in 3d come sketchup, tecnologie dalle applicazioni enormi in questo momento. Un know how che Claudio e i suoi ragazzi possono spendere bene nell’industria del cinema e del suo indotto”, racconta Trentini. 

“Il link creato con Marco ci permette tra le altre cose di selezionare le eccellenze che abbiamo all’Accademia di Catanzaro per dar loro l’opportunità di imparare insieme a lui su livelli e set importanti – spiega Cosentino – in modo da acquisire una conoscenza e una padronanza del mestiere sul campo, che rappresenta un bagaglio fenomenale per loro”. E i tre ragazzi che compaiono nel video, tutti studenti con Cosentino di scenografia dell’Aba, si raccontano tra entusiasmi e speranze, spiegazioni tecnico-informatiche come l’uso dei droni e timidezza giovanile.

Cosentino sarà tra i protagonisti della rassegna che si apre stasera, 31 luglio, “Il cinema che visse due volte” a S. Vito sullo Ionio (Cz), a cura dell’associazione Terraferma presieduta da Francesco Brancatella. Una settimana di proiezioni dedicata al grande attore calabrese Raf Vallone ma pensata anche per presentare e onorare i sanvitesi che si sono fatti strada proprio nel cinema fino ad arrivare a grandi produzioni internazionali e hollywoodiane, da Flora Brancatella a Luigi Latorre a Cosentino appunto, che ha ricevuto la nomination come concept artist per l’Adg-Art Guild Award 2015 per la miniserie King Tut, uno dei più prestigiosi riconoscimenti mondiali che premia le migliori scenografie per cinema e tv.

(Interviste a cura di Giorgio de Filippis, video a cura di Isabelle Nieto)

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.